....un anno dopo

i Nomadi tornano a Giaveno .L'inaspettato successo del 2008 fece strappare al sindaco Dott.ssa Daniela Ruffino , ( tutt'ora in carica ) la promessa di riaverli ancora in questa graziosa cittadina all'imbocco della val Sangone l'anno successivo. Ed eccoci nuovamente qui a raccontare quello che continua a rimanere la più bella storia musicale Italiana. Con ansia si è atteso, da parte degli organizzatori , il ritorno dei Nomadi . La paura di un periodo dal lato economico pieno d'incertezze e la concomitanza di numerosi eventi nel vicino capoluogo piemontese , facevano temere un calo di presenza tra gli spettatori , quelli necessari per arrivare al numero che garantiscono l'incasso per il compenso di questa serata. Da tenere anche in considerazione , dopo un rigido inverno , il primo vero Week End dai sapori primaverili , favorevole a gite sulle vicinissime montagne , ancora cariche di neve. Come si prevedeva così è stato , ma nonostante il calo considerevole del 30% - 40% di spettatori , l'entusiasmo è stato uguale , non poteva essere diversamente.Piacevole l'esibizione , prima del concerto dei Nomadi , di un gruppo di ragazzi , presentati dalla spigliata Concetta Zurzolo (assessore alle Politiche sociali e Giovanili) , facente parte di un laboratorio autodidatta di canto , nato all'inizio del 2007 , sotto la guida di una loro coetanea Francesca Serra. Oltre la piacevole esibizione , una lode va a questi ragazzi perché , avendo già inciso alcuni brani , il frutto del loro lavoro viene donato per sostenere la ricerca sulle malattie genetiche.

Questo piacevole intervento e l'incontro di molti amici FANS , fanno trascorrere velocemente il tempo che ci separa dall'inizio del concerto , che come tradizione inizia alle 21.30. I Nomadi sempre disponibilissimi all'assalto affettuoso dei FANS , non disdicono mai per scambi di battute , a differenza di quasi tutti gli altri artisti che sono inavvicinabili , una cosa che non sono mai riuscito a darne una spiegazione. Siamo in attesa dell'uscita dell'ennesimo lavoro musicale dei Nomadi , previsto ad aprile e forse per questo imminente lavoro e la nostra voglia di canzoni nuove , i Nomadi modificano leggermente la scaletta , inserendo brani sempre richiesti dai FANS. Sarà un caso , ma come un anno fa , siamo alla vigilia della festa della donna e la prima fila , quella sotto il palco è letteralmente composta da piacevoli presenze femminili , cosa che avrà fatto piacere sicuramente anche ai Nomadi .

D'altro canto , io sostengo sempre che lo spettacolo in queste manifestazioni lo fa il pubblico , con l'entusiasmo inconfondibile , ricco di coreografie inventate di volta in volta. L'immancabile presenza sul palco di una rappresentanza di bambini sulla canzone Crescerai , non poteva che culminare l'evento che resterà per sempre il simbolo di civiltà e amicizia con i Nomadi che dura da 46 anni . Difficile trovare sempre nuove parole per descrivere cose che dovrebbero essere all'ordine del giorno . Ognuno usa una bandiera per essere rappresentato , io uso quella virtuale dei Nomadi , non ha colori , ma rappresenta uno stile di vita educato e di rispetto , valori che si sono persi in questi anni .Giaveno ha iniziato un bel cammino , mi auguro di cuore di poterci ritornare con i miei amici fans e non , con la nostra voglia di non invecchiare mai .                                    aldo

Riassunto fotografico

Sempre difficile fotografare Daniele

Riceviamo e riportiamo un commento

caro Aldo siamo i ragazzi dello striscione ,


ci tenevamo a scrivere nel tuo bel sito per esprimere un emozione che difficilmente si può spiegare in un altro spazio web. Tante emozioni sabato scorso per una serata che rimarrà nei nostri cuori per sempre.Nel mio caso la passione nomade va avanti da 20 anni esattamente da quando sono nato perchè è stato un amore di famiglia già da mio padre e in seguito da mio fratello maggiore.Due chiacchiere con loro in particolare con Danilo ti fan capire quanto amore per i fan e quanto siano umili, un 'emozione forte sopratutto per noi che li cantiamo come cover band . La sciarpa del 98 rossa firmata da tutti e sei è diventata preziosissima e la terrò a cuore. Lo striscione rappresenta ciò che pensiamo dei Nomadi.... "Nomadi per sempre".         Toglieteci tutto ma non la musica!   forza ragazzi!

Christian (lo scrittore)  Roberto.  Luisa.  Mattia

Un giusto risalto agli amici tecnici